25 gennaio 2020
25 gennaio 2020

Accadde poggi | Giovanni Galeone

Compie gli anni oggi l'ex allenatore bianconero

Galeone Udinese.jpg
Il 25 gennaio 1941 nasce a Napoli Giovanni Galeone, ex calciatore (mezzala) e allenatore dell’Udinese. Galeone è cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Ponziana dato che la sua famiglia si era trasferita a Trieste, poi ha militato nel Monza (in quel periodo, 1958 e 1959 ha fatto parte della nazionale italiana juniores), quindi nell’Arezzo, Avellino, Vis Pesaro, Nuorese, Entella, Monfalcone  e, a partire dal 1966, ha difeso i colori dell’Udinese. Era la squadra allenata da Luigi Comuzzi che in quale campionato di serie C – girone A – si piazzò in quarta posizione. Questa era la formazione tipo:  Baldo, Sgrazzutti, Fedele, Del Zotto G, Zampa, Manganotto (Del Pin); Mantellato, De Cecco, Blasig (Ciclitira), Galeone, Cremaschi (Momesso). Gli altri componenti della rosa erano Gortan, Bernard, Giulio, Campana, Del Zotto E, Zoratti, Franzot, Palù, Bon, Di Giusto, Poletto. Galeone difese i colori bianconeri sino alla stagione 1973-74, sempre in serie C totalizzando 173 incontri in campionato, segnando 24 reti. 
In seguito ha iniziato la carriera di allenatore nelle giovanili dell’Udinese. La sua carriera di tecnico prosegue nella Sangiovannese in C2 , poi passa al Grosseto. Ritorna all’Udinese nel 1981 e in due anni è il responsabile della Primavera. In seguito guida la Spal in C1 per due stagioni e nel 1986-87 la sua carriera ha una svolta importante: è alla guida del Pescara che è ripescato in B e con una squadra sulla carta non trascendentale, conquista la promozione in A. È il primo trionfo del Gale. L’anno dopo l’undici abruzzese si salva per poi retrocedere in B nel 1989-90. Galeone passa alla guida del Como, con scarsa fortuna, ma nel 1990-91 rieccolo al timone del Pescara con cui nel 1991-92 torna in serie A, ma la squadra è debole, il tecnico dopo 24 turni subisce le conseguenze e viene esonerato. Nel luglio del 1993 viene squalificato per 8 mesi per omessa denuncia per un presunto illecito sportivo di cui si sarebbero resi protagonisti alcuni calciatori pescaresi. Nel 1994 Gianpaolo Pozzo lo chiama alla guida dell’Udinese che è in B in sostituzione di Adriano Fedele. Galeone debutta sulla panca bianconera alla dodicesima giornata con l’Udinese che si trova staccata dal vertice. I bianconeri sono impegnati a Venezia dove vincono per 3-1. Via via la squadra risale la china, si porta nei piani alti, anche a ridosso della capolista Piacenza che sconfigge al “Friuli” il 14 maggio 1995. L’Udinese è seconda (ad una lunghezza dagli emiliani) ed è nuovamente serie A. La squadra con lui alla guida conquista qualcosa come 54 punti in 27 incontri. Il tecnico poi non viene confermato, Pozzo affida la squadra a Zaccheroni. Galeone deve “accontentarsi” di guidare il Perugia conquistando la quarta promozione in Serie A della sua carriera per poi essere esonerato nel dicembre 1996 per divergenze con il patron Luciano Gaucci. Nel novembre del 1997 subentra a campionato in corso a Carlo Mazzone alla guida del Napoli per poi essere a sua volta esonerato a febbraio 1998. Nella stagione 1999-00 tornò ad allenare per la terza volta il Pescara concludendo il campionato di Serie B al quattordicesimo posto. Nella stagione successiva non è riconfermato, ma nel gennaio del 2001 è nuovamente alla guida degli abruzzesi per sostituire Delio Rossi per poi essere a sua volta esonerato dopo nove gare e rimpiazzato da Tarcisio Burgnich. Nel 2004 Galeone, dopo due anni di inattività, è responsabile tecnico dell’Ancona ma non riesce a salvare i marchigiani dalla retrocessione in B. Infine nel marzo del 2006, con l’Udinese vicina al burrone, Gianpaolo Pozzo lo chiama al capezzale dei bianconeri in sostituzione del binomio Dominissini-Sensini che a sua volta a febbraio aveva preso il posto di Serse Cosmi. Il Gale viene riconfermato, ma al termine del girone di andata, dopo la sconfitta di Palermo (0-2) del 14 gennaio 2007 vien sollevato dall’incarico in favore di Alberto Malesani. Galeone, tra serie B e serie A, ha guidato i bianconeri 54 volte, 27 in B, 27 nella massima categoria, conquistando 26 vittorie e 14 pareggi. Le sconfitte sono 14. Il totale fa 92 punti, tradotto significa che Galeone con l’ Udinese ha conquistato 1,7 punti a incontro. Non male.

 
Condividi su