11 gennaio 2020
11 gennaio 2020

Partnership rinnovata tra Nomago e Udinese Calcio fino al 2025

Presentato alla Dacia Arena il nuovissimo pullman dei bianconeri

01 Udinese-Nomago 11-01-2020. Foto Petrussi .jpg
Sarà Nomago a prendersi cura delle trasferte in pullman dei bianconeri. Oltre al pullman brandizzato per la Prima squadra, Nomago mette a disposizione esclusiva all’Udinese Calcio 5 pullman e servizi anche per tutte le squadre del settore giovanile. Inoltre, il direttore generale di Nomago, mag. Sandi Brataševec, ha consegnato oggi al Direttore Generale dell’Udinese Calcio Franco Collavino il
nuovissimo pullman per la Prima Squadra che rappresenta uno dei modelli tecnologicamente più avanzati e sicuri sul mercato.

«L’Udinese Calcio è stato uno dei nostri primi partner importanti sul mercato italiano con il quale collaboriamo con successo oramai già da dieci anni. Sono sicuro che il prolungamento del contratto fino a 2025 mostra le nostre chiare intenzioni che il mercato italiano è per noi di
grande importanza strategica. In particolare, ci concentriamo sul Friuli-Venezia Giulia e sul Veneto che con oltre 6 milioni di residenti rappresenta l’obiettivo più importante del nostro piano a medio termine - ha dichiarato mag. Sandi Brataševec, Direttore Generale di Nomago alla consegna del nuovo pullman brandizzato alla Prima Squadra - Il nuovo pullman marchiato Setra, che sarà a disposizione per tutte le trasferte della squadra, spostamenti per gli allenamenti e altri servizi, è dotato del sistema di controllo di velocità automatico di ultima generazione, sistema antiribaltamento, WIFI, 5 monitor, microfono portatile con ricarica wireless, sedili premium con poggiatesta anatomico regolabile, 2 frigoriferi, 2 caffettiere, 2 forni a microonde, bagno, connettori HDMI, USB e presa 220 per ogni sedile. Naturalmente il nuovissimo pullman soddisfa i più alti standard ecologici in quanto dotato del motore EURO 6d.

«Siamo lieti di prolungare fino al 2025 la partnership, oramai storica, con Nomago che dura dal 2009 - ha dichiarato Franco Collavino, Direttore Generale di Udinese Calcio - Ci tengo a ringraziare il Direttore Generale Sandi Bratasevec​, interlocutore oramai consolidato del nostro club, così come tutta l'azienda che rappresenta, ​ sempre più radicata nella vita della nostra società; non soltanto come vettore ufficiale della prima squadra ma anche di tutto il nostro settore giovanile femminile e maschile. Il sodalizio consolidato con Nomago, inoltre, ci permette di inaugurare anche il nuovo pullman ufficiale della prima squadra che garantisce un ulteriore upgrade dal punto di vista dell'innovazione e del confort ai nostri spostamenti in giro per l'Italia e non solo. Naturalmente anche il nuovo bus prevede la brandizzazione di PromoTurismoFVG con alcune località simbolo della nostra regione di cui siamo orgogliosi ambasciatori. Oltretutto, la partnership con Nomago ci consente di implementare l'interscambio dei rispettivi brand considerando che Udinese Calcio, come testimoniato anche dalle visite e dalle presenze alla Dacia Arena, gode tradizionalmente di grande seguito nella vicina Slovenia».

Sandi Brataševec ha inoltre presentato la collaborazione pluriennale con l’Udinese Calcio e gli obiettivi a lungo termine sul mercato italiano, il quale rappresenta per Nomago uno dei punti strategici più importanti. «L’intero gruppo Nomago vanta oggi oltre 1100 dipendenti, dei quali
oltre ai 10% di nazionalità italiana. In Italia abbiamo anche un importante parte del nostro parco veicoli che è in grado di soddisfare gli standard ecologici ai massimi livelli. In tutto Nomago vanta oltre 700 pullman di vario tipo. Nel 2019 l'investimento nel parco veicoli ammonta a 2
milioni di euro in Italia e oltre a 6 milioni in Slovenia. Secondo i primi risultati il gruppo Nomago ha concluso con successo l’anno 2019 con circa 99 milioni di entrate ed un EBITDA di 12 milioni. Diversi sono i servizi forniti da Nomago in Italia: servizi occasionali per gruppi, comitive, club e scuole. È inoltre particolarmente presente anche nei porti di Venezia e Trieste relativamente al turismo di crociera. Oltre a ciò effettuiamo regolarmente collegamenti nel territorio della base di Aviano e linee con le grandi città europee grazie a Nomago Inter City. Alle fine devo dire che non è un segreto che stiamo studiando le possibilità sul mercato italiano di nuovi acquisti relativi ai segmenti di nostro interesse».

«Il primo interessa i trasporti occasionali ovvero i servizi charter, dove abbiamo appena  concluso il sistema di monitoraggio dei veicoli che permette da un lato l’ottimizzazione della gestione dell’ampio parco veicoli e dall’altro lato migliora l’esperienza del viaggio per i passeggeri. Il secondo segmento importante sono le linee degli scuola bus. Abbiamo stipulato dei contratti pluriennali i comuni di Sacile, Brugnera, Salgareda e Spresiano. Abbiamo inoltre acquistato 9 pulmini dedicati che hanno la capacità di trasportare 51 bambini. Il terzo segmento interessa il trasporto pubblico. In Slovenia copriamo il 35% della quota di mercato ed è nostra intenzione espandere questa attività anche in Italia vista l’esperienza, il personale istruito ed un parco veicoli moderno. Siamo interessati anche al trasporto pubblico locale dove siamo già presenti, in collaborazione con l’APT di Gorizia, con la linea internazionale che connette Gorizia con Nova Gorica. La quarta area di interesse che vogliamo sviluppare in Italia è sicuramente il turismo. Sappiamo bene che gli Italiani sono tra i più grandi viaggiatori d’Europa sempre pronti alla avventura e a scoprire posti nuovi. Un focus particolare nei prossimi quattro anni sarà infine sullo sviluppo e ulteriore espansione della rete di trasporto internazionale dove con Nomago Intercity, che già oggi interessa le città di Venezia e Trieste, vorremo aggiungere anche Udine, Verona e altre grandi città italiane», ha aggiunto Sandi Brataševec.

<Guarda la conferenza integrale>
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto